Bobbio Pellice - Conca del Prà (Alta Val Pellice)

Organizzazione: C.I. Hobby Horse – Strada Candiolo n° 3 – Orbassano (TO).
Periodo: da giugno a settembre
Livello difficoltà: Medio/Alta.
Percorso: Circa 80 km.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

1° GIORNO

Ore 07,00: ritrovo dei partecipanti presso il Centro “Hobby Horse”, sito in Orbassano (TO), Strada Provinciale per Candiolo n° 3.
Controllo delle selle e degli equipaggiamenti individuali. Trasporto dei cavalli tramite van e/o mezzo idoneo per la località Bobbio Pellice (mt. 753).
Da Bobbio Pellice si parte valicando il Monte Mamauro Superiore (mt. 1300), si percorre per circa due ore ½ una mulattiera che risale un valloncello boschivo di castagni e si arriva alla Comba dei Carbonieri dove si effettua la prima tappa con la consumazione del pranzo al sacco.

Ore 14,30: partenza con meta al rifugio denominato “Barbara” (mt. 1753); arrivo previsto per le ore 18,00 circa, dopo aver percorso tratti di sterrato, ripidi tornanti di media difficoltà, giungendo dall’altra parte di un torrente posto di fronte alle grange ove insiste il rifugio Barbara.
Dopo aver dissellato i cavalli e provveduto alla loro sistemazione in comode poste, sarà servita la cena con degustazione dei prodotti tipici della Valle. Pernottamento in comode stanze con servizi.

 2° GIORNO

Ore 09,30: partenza per il Pian delle Marmotte (mt. 2000 circa) e ivi giunti, breve sosta perabbeveraggio cavalli e successiva partenza per il Colle Barant (mt. 2400 circa), con arrivo previsto per le ore 13,00. Terminata la percorrenza di un breve tratto piano, inizia una mulattiera ripida con 8 piccoli tornanti.
Pranzo al sacco (se possibile sosta presso il rifugio Barant).
Ore 14,30: partenza dal Colle Barant (C.d. Baracun) diretti alla Conca del Prà (mt. 1732),un vasto pianoro di origine glaciale che si stende tra 1700 e i 1750 m., lungo circa 4 km e largo in media un km., attorniato da quasi tutte le cime più alte della Val Pellice. Nel pianoro vi sono diversi gruppi di casolari utilizzati come alpeggi.
Durante il percorso sarà attraversato un suggestivo giardino botanico (mt. 2350 circa).Ore 17,30 circa arrivo alla Conca del Prà (mt. 1732).
Sistemazione cavalli in rustici paddock.
Allocazione in struttura rurale dei cavalieri; cena “casereccia” presso la locanda “Ciabatta”. Pernottamento.

 3° GIORNO

Permanenza nell’immensa Conca del Prà, ottimo luogo di relax per cavalli e cavalieri. Si potranno effettuare in piena tranquillità delle brevi escursioni a piedi sui diversi colli circostanti ed eventuali passeggiate nelle verdi pinete della Conca.
Per il ristoro e il pernottamento dei cavalieri si usufruirà sempre del servizio e della
cordiale accoglienza dei gestori della locanda “Ciabatta”.

4° GIORNO

Continua la permanenza nella Conca del Prà (*) con la possibilità di effettuare una escursione facoltativa in alta montagna al Monte Granero (mt. 2377) a piedi.
Per giungere al Monte Granero si attraversa la Conca e si supera l’alpeggio di Partia d’Amount (mt. 1750) dove si può incontrare del bestiame allo strato brado e con un po’ di fortuna al rientro, verso sera, si possono osservare marmotte, camosci e stambecchi.

 

 

 

 

 

 

 

 

5° GIORNO

Ore 08,00: ritrovo dei cavalieri per l’organizzazione della giornata, scambio di notizie sulle condizioni dei cavalli, ovviamente già accuditi dai rispettivi cavalieri.
Prevista escursione a piedi e/o a cavallo nelle zone più suggestive attraversando parte della Conca del Prà e toccando il rifugio Granero con vista lungo lago.
Visita alle margherie del territorio per la degustazione dei prodotti tipici del luogo.

6° GIORNO

Ore 07,00: inizio delle attività; ritrovo di tutti i cavalieri per la colazione. Verifica delle condizioni dei cavalli e dello stato delle ferrature. Controllo dei finimenti, delle selle e dell’attrezzatura varia portata al seguito.
Pranzo.
Pomeriggio libero.

7° GIORNO

Ore 07,00/07,30: colazione, a seguire approntamento dei cavalli per il ritorno.
Ore 08,00/08,45: partenza percorrendo l’unica mulattiera che consente la discesa e arrivo in località Villanova (mt. 1223) ove è previsto il pranzo nell’omonima trattoria. Questa tappa, attraversando un ambiente molto suggestivo, si snoda su belle mulattiere, su strada sterrata e un breve tratto di strada asfaltata.
Ore 14,30 circa: ripresa del percorso di ritorno con arrivo a Bobbio Pellice per le ore 18,00
circa e rientro al Circolo Ippico “Hobby Horse” di Orbassano (TO).

 

(*)
La Conca del Prà è un vasto pianoro di origine glaciale che si estende tra i 1700 e i 1750 mt., lungo circa 4 Km. e largo in media 1 Km., è attorniato da quasi tutte le cime più alte della Val Pellice.
La vista sul pianoro è davvero spettacolare. La conca pianeggiante è ampia e su un rasato prato di montagna sono disposti vari boschetti di larici. Sui due lati si stagliano ripidi versanti boscosi mentre il fondovalle è chiuso da una catena rocciosa di vette.
Al Prà si trova un bel rifugio (Willy Jervis) e due piccoli agriturismi dove poter anche pranzare e cenare.
Dalla parte opposta del vallone parte la strada che gira attorno al suggestivo giardino botanico Bruno Peyronel (mt. 2350 circa).
Il Monte Granero con i suoi 3.171 metri è la vetta più alta della zona e dalla cima del Granero la vista è grandiosa sul Monviso e su tutto l'arco alpino occidentale.
Tutte le montagne intorno al Prà sono ricche di stelle alpine, di artemisia da cui si ricava il liquore Genepì, e di marmotte e stambecchi.